Clara Consenti

Psicoterapia Adolescenti

Psicoterapia Adolescenti

La psicoterapia è un percorso di regolari colloqui che ha lo scopo di rimettere in moto il percorso di crescita, di individuazione o ripristinare il proprio equilibrio psicologico riducendo o risolvendo la situazione di disagio e sostenendo la capacità di gestione delle difficoltà attraverso le proprie risorse personali.
L’adolescenza comporta una grande trasformazione dalla quale possono scaturire momenti di difficoltà emotiva e relazionale: il ragazzo si trova a sperimentare un conflitto all’interno di sé e possono essere frequenti incertezze e disagi che vengono espressi nel proprio mondo sociale come il contesto amicale e la scuola e attraverso il corpo e l’azione:

  • Isolamento sociale
  • Abbandono scolastico
  • Abitudini alimentari sregolate
  • Autolesionismo 
  • Abuso di alcol o altre sostanze

Per il ragazzo avere la possibilità di riflettere su sé stesso, sull’immagine e la rappresentazione che ha di sé e degli altri, potendo soffermarsi con un aiuto esterno a darvi una risposta, può essere sufficiente per rimettere in moto un temporaneo blocco evolutivo.

Precursore del percorso psicoterapeutico con l’adolescente è la consultazione psicologica, una breve serie di colloqui (3-5) con lo scopo di comprendere la problematica principale sperimentata. Strumento principale è quindi il colloquio psicologico, nel quale lo psicoterapeuta si porge in ascolto, raccoglie informazioni e conosce il ragazzo al fine, al termine del percorso conoscitivo, di formulare un’ipotesi di trattamento (o psicoterapia).
Fondamentale all’interno di questo percorso sono i colloqui con i genitori al fine di comprendere in modo complessivo il bisogno manifestato tramite la problematica emersa e individuare le strategie più efficaci, tenendo in considerazione proprio l’immagine, punto di vista del genitore rispetto al figlio.
I colloqui vengono così utilizzati per accogliere la storia della famiglia e dell’adolescente, comprendere le problematiche e le difficoltà presentate e il significato dei sintomi.
Al termine della consultazione viene quindi effettuata una restituzione ai genitori e al ragazzo di quanto emerso e individuati interventi terapeutici rispondenti ai bisogni e alle risorse.

L’obiettivo dei colloqui dell’intervento psicoterapeutico è approfondire ed elaborare le dinamiche emerse, a livello intrapsichico e interpersonale, sulla base della problematica sintomatologica mettendo in connessione la realtà interna dell’adolescente, la sua storia con la realtà esterna delle relazioni e del contesto sociale.
Fondamentale è la relazione di fiducia che viene stabilita tra paziente e terapeuta, attraverso la quale si attua un lavoro congiunto, condiviso e personalizzato.

COME SI SVOLGONO LE SEDUTE E DURATA DEL PERCORSO
Le sedute si svolgono solitamente a frequenza settimanale per una durata di 50 minuti ciascuna. Il contenuto degli incontri è protetto dal segreto professionale.
Il percorso psicoterapeutico varia a seconda delle problematiche della persona e degli obiettivi che vengono stabiliti tra psicoterapeuta, adolescente e genitori, frutto di un rapporto di alleanza e fiducia.